ASSOCIAZIONE

Associazione Culturale CAVE

Tra acque e crets della Val Colvera
è nata l’Associazione Culturale CAVE!
Siamo un ensamble di artisti e non che si sono incontrati e uniti in questo luogo grazie alla forza gravitazionale di Brocante.
Dalla nostra nascita – era l’ottobre del 2019 – si sono attivati diversi cantieri progettuali tra cui:

  • L’ultimaspettacolo teatrale che verrà inserito all’interno del festival Congedi -,
  • ATLASFestival di musica dal mondo -, 
  • LANDRIperformance tra la musica e il teatro nata come canto per una lingua che muore-,
  • Il giro dell’isolatoCreazione multidisciplinare tra l’arte visiva, l’arte circense e il teatro -.

Seguiteci!

CAVE- Ipso facto #001 Un appuntamento settimanale di istantanee

Presentazione Associazione Culturale CAVE

CAVE

L’associazione Culturale CAVE si prefigge come obiettivo principale la condivisione di un genuino approccio legato alla trasmissione di linguaggi culturali.

La visione dell’associazione è rendere possibile la costruzione di oggetti e performance a partire dalla materia astratta dei sogni e attraverso questo lavoro dare valore tangibile e concreto al prossimo.

E’ un’associazione molto composita: la gran parte degli associati, artisti under 35, che lavorano in diversi campi artistici come teatro, musica, grafica, scenografia, sartoria, direzione artistica, produzione eventi. La collaborazione con queste sopracitate realtà multidisciplinari ha costruito una solida conoscenza delle tecniche di costruzione di manufatti e gestione eventi.

Manifesto CAVE, Paolo Primon -  ph. Fabio Arnoux Arnosti

Progetti In Val Colvera

Uno degli obiettivi dell’associazione è anche quello legato alla creazione di eventi da realizzare nella vallata con lo scopo di promozione culturale del territorio in cui ha sede, cioè la Val Colvera e dunque la comunità montana. Questi eventi sono Workshop, concerti ed eventuali progetti artistici presentati dagli Associati.

Per esempio, uno di questi progetti che si sta intraprendendo è legato alla sensibilizzazione del turismo verso una nuova interazione tra la montagna e la sua fauna tramite un percorso sonoro/visivo sviluppato in collaborazione col Corpo Forestale. Un esperimento che lega arte e scienza al fine di produrre materiale visivo relativo all’interazione tra animale/suono artificiale e tra uomo e “land art” partendo da un quesito di partenza: è la curiosità rispetto alle astrazioni della musica una caratteristica innata di tutti gli animali o è una peculiarità esclusiva dell’uomo?

Oltre a questo progetto particolare CAVE sta sviluppando un discorso relativo al concetto di “Land Art” con l’idea di valorizzare percorsi naturalistici per la fruizione turistica, amplificando così la proposta del territorio grazie al rimbalzo mediatico che questa operazione culturale può regalare.

RISTORANTE A CIELO APERTO

L’associazione culturale CAVE presenta “Ristoranti a cielo aperto”, un progetto dedicato all’interazione tra gli ambiti cultura/turismo, nato dall’esigenza plurima di far fronte alle contingenze e limitazioni imposte da questo momento storico, dando comunque impulso continuo e proattivo alle attività del territorio.

CAVE dunque, in collaborazione con la realtà della ristorazione locale, trasforma luoghi di peculiare bellezza in una platea dove ospitare eventi culturali, arricchiti dalla possibilità di degustare le ricchezze gastronomiche della nostra Regione.

L’associazione si occuperà della direzione artistica, calibrando la scelta in modo da governare l’affluenza senza rischi di sovraffollamento, stabilendo nella promozione degli eventi, di cui avrà completa cura in tutti gli aspetti, che l’accesso all’area è consentito solo su prenotazione.

La proposta artistica spazierà tra musica, teatro, circo, arte visiva, in base alle caratteristiche dello spazio, la struttura scenografica e la “sala” saranno costruite in armonia con la morfologia del luogo, in modo da creare una commistione suggestiva, di grande effetto scenografico, per prepararci ad accogliere gli stimoli che in queste serate d’eccezione sazieranno tutti i nostri sensi.

Marta Riservato e Serena Riservato - ph. Elettra Ellee Del Mistroo
Elettra Ellee Del Mistro and the blue sky

ATLAS

“Festival permanente di musica dal Mondo” .

Attraverso questo progetto l’associazione intende collocare un palcoscenico all’interno dei meravigliosi teatri naturali di cui la Val Colvera dispone prendendo in prestito dalla natura i suoi luoghi incontaminati. Gli strumenti utilizzati per raggiungere tale obiettivo saranno luci e suoni: il dialogo tra questi medium darà luogo ad un evento in grado di far innamorare il pubblico delle vallate friulane, normalmente considerate culturalmente aride e artisticamente inospitali.

L’evento intende portare in questi peculiari luoghi, che possiedono un’alta rilevanza naturalistica, “musica dal mondo”. Non intende limitarsi tuttavia alla musica, ma cerca di far dialogare musica, natura, proiezioni, immagini video e installazioni in grado di integrarsi completamente nel paesaggio quasi incontaminato della valle.

Questo progetto è candidato per il Bando Eventi 2019 della regione FVG, pur essendo in attesa di un riscontro, la volontà dell’associazione è quella di concretizzare l’idea adattandola alle possibilità.

CONGEDI

Congedi è un progetto legato alla creazione di un Festival multidisciplinare, è un incontro di diverse forme d’arte che permetterà di indagare il tema ambientale con particolare riferimento al congedo dell’essere umano dal pianeta. L’evento si svilupperà in tre serate in diverse località del FVG, i luoghi e le ambientazioni scelte, quali: grotte, paesaggi montani o greti racconteranno a livello naturalistico la loro bellezza ma anche come l’intervento dell’uomo abbia modificato la conformazione naturale del territorio. L’associazione ha partecipato con questo progetto al Bando Giovani FVG 2019 vincendo il contributo per la realizzazione del festival.

Fulcro del festival sará “L’ultima”, spettacolo teatrale realizzato ad hoc, che coinvolgerà tutto l’apparato artistico-tecnico di CAVE. Protagonista di quest’opera sarà l’ultima donna del pianeta, attraverso questa sua condizione avrà modo di parlare delle contraddizioni dell’essere umano:il suo genio, la capacità di generare bellezza attraverso l’arte, l’amore e al contempo la sua innata forza distruttrice generata dall’egoismo, dal desiderio di potere, di supremazia. Con questo spettacolo abbiamo vinto il bando URA Umbria Residenze Artistiche 2020 organizzato dal Centro Teatrale Umbro i cui promotori di questo progetto sono MIBACT Regione Umbria, Comune di Gubbio, Centro Umbro Residenze Artistiche. Il Bando ci permetterà di realizzare una residenza artistica a Gubbio per la costruzione dello piece teatrale. Questo spettacolo che debutterà all’interno del Festival Congedi, verrà replicato durante tutte le date proposte e sarà accompagnato da alcuni eventi collaterali, strettamente connessi ai temi del festival, che potranno spaziare dalle installazioni agli interventi musicali, performance e videoproiezioni che sfrutteranno le caratteristiche dei contesti che faranno da scenario come per esempio, i cumuli di ghiaia e sabbia in una cava, l’interno di una grotta o il greto del Tagliamento.

La nostra trasformazione è iniziata con la nostra prima residenza artistica
CAVE-Luca Durofil

Contatta CAVE

Indirizzo

ASS. CAVE

Via Rizza N° 12,
33080 Frisanco (PN)

Chiama

Marta Riservato +39 348 004 5052
Serena Riservato +39 346 384 6952

Social

Associazione Culturale CAVE

Pin It on Pinterest

Privacy Policy